Carte prepagate per minorenni: quali sono e come scegliere quella giusta. Guida alla scelta

Le carte prepagate per minorenni possono essere un ottimo strumento finanziario da affidare a tuo figlio per insegnargli a gestire il denaro. Se fino a qualche anno fa la paghetta settimanale veniva consegnata ai ragazzini in contanti, oggi anche le esigenze dei più giovani cambiano e le risposte dei genitori devono essere adeguate ai tempi e alle necessità differenti. Ecco, allora, che cosa sono le carte prepagate per minorenni e quale scegliere attualmente.

Che cosa sono le carte prepagate per minorenni

Le carte prepagate per minorenni sono un prodotto finanziario pensato appositamente per tutti quei ragazzi che non hanno ancora compiuto 18 anni. La scelta di creare un tale strumento è legata al fatto che i ragazzi hanno sempre più la necessità di poter disporre di una piccola somma di denaro, ad esempio per effettuare delle spese personali di entità minima oppure per comprare online qualcosa. Una carta prepagata, allora, dà loro l’opportunità di avere del denaro a disposizione, senza dover girare con i contanti in tasca che può essere pericoloso, ma comunque sempre sotto la supervisione dei genitori. Con la carta prepagata i ragazzi potranno prelevare contante ma anche fare spese sia online che offline. I modelli più attuali di carte prepagate, poi, consentono di poter partecipare a raccolte di denaro, ad esempio per versare la propria quota in un regalo di compleanno o per una cena fra amici.

Come funzionano le carte prepagate per minorenni

Le carte prepagate per minorenni funzionano nello stesso identico modo delle carte prepagate per adulti. L’unica differenza è rappresentata dal fatto che i genitori del ragazzo possono avere accesso all’elenco delle spese effettuate, così da non ritrovarsi con spiacevoli sorprese. Come tutte le carte di credito prepagate, anche quelle per minorenni possono essere utilizzate esclusivamente nel limite massimo della giacenza presente sulla stessa, quindi non si corre certo il rischio di un utilizzo improprio, anche perché non sono collegate ad alcun conto corrente. Ovviamente, trattandosi di prodotti destinati ai minori, esistono dei limiti ben precisi relativi all’importo massimo di prelievo giornaliero nonché al plafond totale. Oltre a questo, però, le funzionalità sono assolutamente simili alle carte prepagate classiche e anche le modalità di ricarica non subiscono dei cambiamenti. Di contro, invece, le spese di gestione e quelle di apertura sono molto più contenute nelle carte per minorenni.

Come attivare una carta prepagata per minorenni

Per attivare una carta prepagata per minorenni occorre la presenza di entrambi i genitori. Un minore, infatti, non può essere titolare di un prodotto finanziario di qualunque tipo senza il consenso esplicito dei genitori o di un tutore legale. L’attivazione della carta prepagata, poi, segue le regole che sono imposte dall’istituto di emissione della stessa. Molte banche e alcune finanziarie da qualche tempo consentono l’apertura della carta anche online, senza quindi la necessità di doversi recare in una filiale fisica. Diverse le modalità in base all’istituto di credito: alcuni richiedono il riconoscimento facciale, altri invece subordinano il rilascio della carta all’attivazione della firma digitale. In ogni caso sono necessari anche la carta di identità e il codice fiscale del minore per completare la procedura di rilascio della carta prepagata.

Come scegliere la migliore carta prepagata per minorenni

Scegliere la migliore carta prepagata per minorenni non è un’operazione semplice perché i prodotti attualmente sul mercato hanno delle caratteristiche molto simili, quindi la scelta si basa davvero sulle minuzie. Innanzitutto molto dipende dall’età del minore a cui deve essere intestata la carta: alcuni istituti di credito consentono l’attivazione di questo prodotto esclusivamente a chi ha compiuto almeno 14 anni, altri invece abbassano questa soglia di età ai 10. La scelta, poi, è legata alla preferenza al circuito Visa oppure Mastercard, al tetto massimo di prelievo giornaliero, all’eventuale utilizzo della carta anche all’estero, etc. Come sempre in questi casi, occorre valutare con attenzioni quali siano le esigenze personali e del minore e poi trovare un prodotto che si sposi bene con le stesse, considerando che comunque tutte le carte per minori consentono le medesime funzionalità.

Quali sono le carte prepagate per minorenni attualmente sul mercato

Quasi tutti gli istituti di credito offrono alla propria clientela la possibilità di attivare una carta prepagata per minorenni, quindi non c’è che l’imbarazzo della scelta. Sicuramente, però, alcuni prodotti offrono delle caratteristiche più convenienti. Queste, allora, le opzioni che ti conviene prendere in considerazione.
  • Prepagata Unicredit: si chiama UnicreditCard Click e può essere gestita direttamente tramite app. Il costo di attivazione è di 10 euro ed è attivabile dai 14 anni
  • Prepagata Intesa Sanpaolo: in questo caso la carta riservata ai più giovani si chiama Flash Visa PayWave e ha un costo di attivazione di 9,90 euro che diventano 10 se si vuole personalizzare la carta con la propria foto. Il canone annuo è di 6 euro ed è attivabile dai 12 anni in poi
  • Prepagata PostePay Junior: la più conosciuta fra le carte prepagate riservate ai giovanissimi. Può essere attivata da tutti i ragazzi con età superiore ai 10 anni, ha un costo di attivazione di 10 euro e consente di prelevare gratuitamente da tutti gli ATM di Poste Italiane

Lascia un commento